Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Recensione: Assassin's Creed 2

E infine, dopo centinaia di ore di gioco (ed altrettante per impaginare sto cazzo di post) eccoci qui, come promesso...
Ho terminato Assassin's Creed 2, e sono rimasto piacevolmente sorpreso da questo titolo che, come ho gia detto in precedenza, avevo pesantemente sottovalutato. Mi sono divertito, arrabbiato, esaltato, spaventato e rattristato nei panni di Ezio Auditore, ed ora sono qui per raccontarvi la mia esperienza nell'animus 2.0
Prima di cominciare però vorrei avvisarvi che questo post sarà piuttosto lungo, zeppo di foto, e potrebbe contenere spoiler, quindi leggete con cognizione di causa.
Procediamo.




Un passo indietro...
Partiamo con una presentazione rapida del titolo per chi, non conoscendo la serie, non sa di cosa essa parli.
Assassin's Creed è un titolo che raggruppa vari generi, dallo Stealth all'Adventure, dal Platform 3D allo Hack'n'Slash. La serie ci racconta di un macchinario, chiamato Animus, che permette di estrapolare e rivivere le esperienze dei nostri avi attraverso le informazioni immagazzinate nel nostro DNA. Questa tecnologia viene sfruttata dall'associazione dei Templari, che sono tutt'ora esistenti e mirano alla creazione di un ordine nuovo. Ai Templari si contrappone la setta degli Assassini, freddi killer calcolatori che combattono per la libertà del genere umano di decidere per se. Il giocatore viene catapultato nel bel mezzo di questa guerra, vestendo i panni di Desmond, esponente a sua insaputa di una lunga stirpe di Assassini.
Desmond, nel primo episodio della serie, si ritrova prigioniero all'interno di una struttura, chiamata Abstergo, in cui il dottor Vidic, appartenente all'ordine dei Templari, lo sottopone a sedute nell'Animus, per scavare nei suoi ricordi genetici e risalire al luogo in cui si nasconde un potente manufatto che il suo antenato, l'Assassino Altair, ha recuperato dopo una lunga serie di avventure alla fine del XII secolo Dopo Cristo.
AC finisce proprio dopo che Altair entra in possesso dell'artefatto, il cosiddetto Frutto dell'Eden.

"Lucy, mi hai liberato da un Animus per farmi entrare in un'altro?" "Hem..."

... e poi tutto avanti!
Qui entra in scena il secondo episodio. Assassin's Creed 2 inizia esattamente dove termina il capitolo precedente. Ci troviamo ancora una volta nei panni di Desmond, che viene liberato dall'assistente del dr. Vidic, Lucy Stillman, anch'essa membro della setta degli Assassini.
Prima di fuggire però, Lucy chiede a Desmond di entrare un'ultima volta nell'Animus, per permettergli di rivivere la nascita di Ezio Auditore, il prossimo Assassino in cui Desmond calerà la sua coscienza e, attraverso le sue avventure, imparare tutte le abilità che gli serviranno per essere arruolato nella setta.
Preparatevi, perchè se nel primo titolo della serie seguiremo spesso Desmond dentro e fuori l'Animus, in AC2 lo controlleremo direttamente solo all'inizio, alla fine e brevemente a metà della storia.
Il resto del tempo vestiremo in tutto e per tutto i panni di Ezio Auditore, dalla sua scapestrata giovinezza fino al compimento della sua vendetta per il tradimento perpetuato ai danni della sua famiglia. La crescita del personaggio avverrà gradualmente, e non potrete fare a meno di percepirla, sia nelle abilità che nel comportamento di Ezio, che maturerà con l'avanzare della vicenda.
Dopo un tutorial cammuffato da brevi missioni introduttive, la famiglia Auditore verrà coinvolta in un complotto, e tutti i maschi della famiglia, ad eccezione di Ezio, verranno uccisi. Il nostro protagonista quindi si ritroverà di punto in bianco nei panni di un reietto, senza armi nè risorse, nè tantomeno addestramento alcuno, salvo una agilità fuori dal comune.
Uno dei primi compiti seri che avremo sarà quello di portare in salvo la sorella di Ezio, Claudia, e la madre Maria Auditore. Arriveremo così alla Villa dello zio Mario, a Monteriggioni, dove Ezio inizierà il suo addestramento per vendicare i suoi cari.
Tra una missione e l'altra la storia dura parecchio, più volte vi convincerete di essere vicini alla fine, salvo scoprire che vi aspettano un sacco di altre missioni. Ed il gioco dura ancora di più con i DLC aggiuntivi.
Tirando le somme AC2 dovrebbe fornire almeno un centinaio di ore di intrattenimento, cosa che ultimamente pochi giochi fanno.

"It's a me, Mario!"   No comment!

La bella Italia
Le avventure e le peripezie di Ezio ci porteranno in giro per l'Italia, partendo dalla meravigliosa Firenze, passando per la Romagna e Forlì, e arrivando alla Serenissima Venezia. Infine, per affrontare l'ultimo ricordo di Ezio, dovremo recarci addirittura a Roma, per la precisione al Vaticano, nella Cappella Sistina.
Tutte queste località sono ricostruite in maniera maniacale. Chi è stato a Venezia e Firenze non faticherà a riconoscere i tesori architettonici tipici di queste splendide capitali. I monumenti ed i luoghi interessanti poi ci verranno puntualmente indicati dal sistema dell'Animus, permettendoci di ammirarne la bellezza, oltre che a stabilire dei punti di riferimento. Ogni città è stata digitalizzata a misura d'uomo, e potremo girarle quasi senza limiti (durante alcune missioni l'azione è concentrata solo su determinati punti della città, e ci è quindi impossibile cambiare zona). Resta il fatto che le città risultano enormi, ed a percorrerle in lungo ed in largo avrete il vostro bel daffare.
Inoltre, come se non bastasse visitare esternamente luoghi meravigliosi come Piazza San Marco e il Ponte di Rialto (che all'epoca risultava ancora in costruzione), per alcune missioni potremo esplorare luoghi storici come la Basilica di San Marco, quella di Santa Maria Novella, e vari altri edifici importanti.

Il Campanile di Giotto a Firenze, visto in AC2

Nel tempo libero...
Tra una missione e l'altra avremo la possibilità di impegnarci in missioni secondarie di varia natura. Avremo Corse sui tetti,  in cui dovremo passare attraverso tutti i checkpoint prima che scada il tempo;  i Contratti di Assassinio, in cui, come suggerisce il nome, dovremo uccidere una persona in particolare; le Consegne, una variante delle corse, in cui avremo solo l'obbligo di arrivare al punto stabilito entro lo scadere del tempo senza il vincolo dei checkpoint; dovremo inoltre insegnare le buone maniere ed il rispetto delle donne ad alcuni mariti maneschi, nelle missioni di Pestaggio.
Ci capiterà poi di incontrare dei personaggi che al nostro apparire se la daranno a gambe levate, a prescindere dal nostro livello di fama: si tratta di messaggeri e borsaioli. Entrambi ci daranno un bonus monetario alla cattura (basta saltargli addosso e fermarli), ma mentre non ci saranno danni a perdere di vista un messaggero, perdere un borsaiolo che ci ha derubato si tradurrà purtroppo in una perdita di fiorini, cosa che, soprattutto nelle prime fasi del gioco, darà molto fastidio. Perciò occhio!
Fate attenzione anche ai furti: sarà facile infatti passeggiare tra la folla e derubare i passanti, ma sarà altrettanto facile diventare famigerato, soprattutto se incappate in un gruppo di guardie.
La gestione della fama, rispetto il primo episodio, è stata migliorata ed ampliata. Ora per sfuggire alle guardie dovrete, oltre che sparire dalla loro vista, anche sparire dalla zona dove siete stato avvistato l'ultima volta. Nascondervi in un covone di paglia al centro dell'area di ricerca delle guardie vi farà rilevare in men che non si dica. Inoltre, ogni azione eclatante e civilmente immorale farà aumentare la vostra fama, rendendovi famigerato e quindi maggiormente identificabile. Ad alti livelli anche le persone per strada vi riconosceranno, e potrebbero allertare le guardie e costringervi a rocambolesche fughe.

Cazz, mi hanno beccato... fuga!

Per ridurre la fama avrete 3 modi: potrete strappare i manifesti da ricercato che tappezzano la città (ogni manifesto strappato abbasserà la fama del 25% totale, quindi ve ne bastano 4 per tornare anonimo); Se invece assassinate il prefetto a capo delle indagini, o corrompete chi vi diffama in pubblico, pulirete del tutto la vostra fedina penale e le guardie smetteranno di ricercarvi... almeno fino al prossimo reato.
Oltre questo nutrito gruppo di miniquest, potremo utilizzare il nostro tempo a girovagare liberamente per la città a sincronizzare i punti di osservazione (sulla sommità degli edifici più alti) o recuperare tesori.
Un'interessante novità del capitolo è la presenza dei Glifi, misteriosi simboli tracciati su alcuni dei luoghi più significativi delle città in cui ci muoveremo. Ad ogni ritrovamento avremo accesso a dei rompicapo più o meno complessi, attraverso i quali avremo anche dei piccoli stralci del background di tutta la serie. Trovare tutti i Glifi ci permetterà di accedere ad un documento segreto in cui è riportata l'esperienza del Soggetto 16, che, come Desmond, è un antenato degli Assassini.

Cosa troveremo dentro il file segreto del Soggetto 16?

Il Soggetto 16 è stato sottoposto dai Templari a lunghi esperimenti con l'Animus, che lo hanno provato fino a fargli perdere la cognizione della realtà, fino a scoprire dei segreti sepolti da innumerevoli anni.
Verremo anche chiamati a collezionare le pagine disperse del Codice dell'Assassino, una sorta di diario redatto a suo tempo da Altair, che, oltre ai fini della storia, ci permetterà di scoprire qualcosa di più della vita dell'Assassino.
Avremo poi la possibilità di mettere le mani sull'armatura dello stesso Altair, ma per farlo dovremo recuperare 6 sigilli da altrettante tombe di Assassini, collocate in zone segrete delle varie città che visiteremo.
C'è da dire che in alcune missioni saremo obbligati a passare inosservati, pena l'annullamento immediato della missione, ma benchè l'esplorazione delle tombe non rientri in questa tipologia di missione, ci fornirà comunque una serie di ambientazioni adatte alla nostra sete di Stealth. Non so voi, ma ho goduto come un matto quando, ho completato l'infiltrazione nella Basilica di San Marco senza farmi minimamente vedere.
Analogamente alle missione per recuperare i sigilli degli Assassini, troviamo i rifugi Templari. Anche qui si tratta di infiltrarsi senza essere visti in determinati edifici, per avere come ricompensa un cospicuo numero di fiorini. Purtroppo questi siti saranno accessibili solo a chi ha scaricato un DLC aggiuntivo dall'xBox Live, o se comprerete una delle versioni speciali del gioco.

Piovono Assassini?

Chi di spada ferisce...
Sebbene sia più che giustificato che un provetto assassino sia abile nell'uccidere, le meccaniche di gioco risultano a volte troppo semplificate. I PNG hanno una AI che non soddisfa più di tanto: durante le incursioni, le guardie che ci avvistano avranno una freccia gialla sopra la testa, che diverrà rossa se ci identificano. Spesso però basta nascondersi nuovamente prima che le guardie diventino ostili, e dopo pochi secondi saremo di nuovo liberi di muoverci e, avvicinandoci al nemico che così ingenuamente ci ha voltato le spalle, eliminarlo. Una cosa analoga accade quando piombiamo su un gruppo di nemici: avremo la possibilità di freddarne un paio prima ancora che si possano organizzare. Addirittura mi è capitato di uccidere una squadra intera di sei soldati semplicemente andandogli incontro e colpendo con le due lame celate. Tra l'altro quando i nemici riescono ad atterrarci rimangono ad aspettare che ci rialziamo, invece di approfittarne e infliggerci gravi danni.

Il doppio tocco mortale di Ezio

E ancora, se Altair in AC doveva faticare non poco per abbattere una decina di avversari contemporaneamente, Ezio in AC2 affronta una quindicina di avversari come una passeggiata mattutina: la parata ha un valore assoluto, e spesso non serve essere voltati in direzione di chi ci attacca per deflettere il colpo. Stessa cosa si può dire del contrattacco: una volta assimilata la tempistica di reazione, potremo far fuori chiunque col contrattacco o, in alternativa, schivare col tasto apposito. Purtroppo gli attacchi base a disposizione non fanno altro che incoraggiare questo comportamento, in quanto spesso si rivelano facilmente prevedibili dagli avversari, che parano in tutta tranquillità. Fare ricorso ad attacchi speciali poi è quasi sempre fuori discussione, visto il tempo di carica che ci espone chiaramente ai pericoli, ma se vi riesce di agguantare i nemici, potete sempre spingerli giu da una torre o uno addosso all'altro, per guadagnare qualche secondo e finirli mentre sono a terra. Altrimenti, visto che Ezio sa nuotare ma le guardie no, buttatele in acqua, se ne avete li vicino, e potrete sbarazzarvi di loro senza troppo rumore. Una mossa quasi sempre utile invece è quella di disarmare l'avversario, che si ritrova a mani nude e quindi inerme ai nostri attacchi.

Una scena... disarmante!

Provando a scappare da un nutrito numero di avversari arrampicandoci su un edificio, avremo una sorpresa: per tutta risposta i nemici con arco ci scaglieranno delle frecce, mentre gli altri soldati daranno il via ad una gragnuola di sassate. In entrambi i casi,  se colpiti perderemo la presa e saremo alla fine costretti a fuggire a piedi o affrontare gli avversari.
Qualora ci dimostrassimo scarsi nel combattimento, potremo recuperare energia grazie ad un'altra novità, le fiale di medicinali. Queste ci restituiscono immediatamente una parte della forza vitale, permettendoci di sopravvivere. Personalmente ho usato le medicine molto raramente durante tutto il gioco, ma spesso, tra una missione e l'altra, la salute si ripristinava del tutto, evitando anche di recarmi da un dottore.
In AC2 sono state introdotte anche nuove armi: oltre alla classica lama nascosta (che non prevede più l'amputazione dell'anulare), ai coltelli da lancio, alla spada ed al pugnale (relativamente agile, ma con capacità di parata limitata), nel corso della storia potremo equipaggiare bombe fumogene per stordire temporaneamente i nemici, un guanto tirapugni e una seconda lama nascosta. Quest'ultima sarà modificata prima con l'aggiunta di veleno, poi con una minipistola.
Potremo inoltre sostituire la spada con un martello da combattimento, meno gestibile ma più dannoso.
Ma non basta: non è solo il nostro alter ego ad essere meglio equipaggiato: anche i nemici avranno un armamento più vasto, ed oltre ai soliti arco e spada compariranno mazze, lance ed asce, tutte armi di cui potremo impossessarci (a parte l'arco), ed utilizzare contro i nostri nemici. Le armi prese agli avversari però saranno utilizzabili per un breve momento, e non sarà possibile conservarle. Potremo però addestrarci alla villa per appropriarci di colpi speciali relativi alle nuove armi, come ad esempio la spazzata con la lancia.
Stesso discorso vale per le armature: potremo migliorare la difesa di Ezio acquistando corazze più resistenti e di foggia migliore, ma dovremo stare attenti ai danni che subiscono, e ripararle in fretta se si rompono. Incontreremo anche nemici meglio corazzati, che ci daranno non poco filo da torcere, almeno fino a quando non piomberemo loro alle spalle, non li disarmeremo o non li abbatteremo e colpiremo usando una lancia.
Ma per quanto forti ed agili possiamo essere, a volte sarà meglio affrontare le missioni dal lato strategico, ed inventarsi qualcosa per superare le guardie senza spargimenti di sangue. Ecco che quindi troveremo dei personaggi sparsi per la città che ci verranno in aiuto per pochi fiorini: le Cortigiane ed i Ladri. Grazie ad essi potremo passare inosservati, allo stesso modo in cui ci confondiamo tra la folla, e potremo anche distrarre le guardie. Basterà infatti avvicinarsi a loro con appresso un gruppo di Cortigiane ed i soldati saranno attirate dalle fanciulle, lasceranno il loro posto di guardia e la via liberi. Anche i ladri vi aiuteranno a distrarre le guardie, ma per farlo dovrete dargli l'ordine diretto. Ma se proprio non potete fare a meno di attaccare questi poveri soldati, potrete usufruire dei mercenari, un altro gruppo in giro per le città che, se assoldato, ingaggerà le guardie in un corpo a corpo, permettendovi di muovervi liberamente.

Anche Ezio andava a mignotte...

Traceur o SpiderMan?
Uno dei tratti caratteristici della serie Assassin's Creed è l'agilità che gli Assassini dimostrano durante le loro corse sui tetti. Possiamo vederlo come l'antenato del Parkour, od una semplice corsa ad ostacoli, sta di fatto che Ezio e soci saltano da un palazzo all'altro come faceva Altair ed anche meglio.
Ezio infatti possiede tutte le abilità di corsa ed arrampicata che aveva il suo predecessore, più alcune altre: durante le arrampicate, ad esempio, il nostro Auditore potrà effettuare una spinta verso l'alto, che gli permetterà di raggiungere sporgenze altrimenti inarrivabili. In altri punti, facilmente riconoscibili da una bandiera rossa, si potrà effettuare un salto col trampolino, per raggiungere piattaforme fuori dalla nostra portata. Con il procedere dell'esperienza videoludica, il nostro Assassino aumenterà le sue capacità, ed imparerà nuove tecniche di uccisione, che ci torneranno estremamente utili: Ezio infatti imparerà ad uccidere da una sporgenza, colpendo e afferrando il malcapitato con la lama celata e buttandolo di sotto; potrà uccidere due persone alla volta da un punto più alto, e se serve anche camminando; infine, cosa che ho trovato succulenta, Ezio avrà la capacità di uccidere da un nascondiglio, sporgendosi ed afferrando la vittima, che una volta pugnalata verrà trascinata dentro il covone di paglia. Lo stesso covone in cui potremo nascondere i cadaveri delle nostre vittime per evitare che vengano scoperti. Inoltre la paglia ci attutirà (inverosimilmente) la caduta durante uno dei famosi Salti della Fede. Occhio però, perchè non tutti i Punti di Osservazione sparsi per le varie città prevedono un carro parcheggiato sotto di essi, quindi se non volete schiantarvi a terra con tutte le ossa rotte fate attenzione, e sinceratevi della presenza del fieno prima di lanciarvi di sotto.

Goduria Assassina!!!

Arrivati a Venezia scopriremo presto come è possibile nuotare tra i canali (possibile ma non consigliato). Avremo anche la possibilità di "prendere in prestito" una gondola, mentre fuori dalle città potremo girare a cavallo e coprire lunghe distanze in poco tempo. Ma se proprio volete spostarvi in pochi secondi da una città all'altra, potete raggiungere uno dei numerosi punti di posta e noleggiare un carro che vi trasporti in rapidità.
Altra perla di questo titolo è la possibilità di usare la famosa Macchina Volante di Leonardo da Vinci , disponibile inizialmente per una missione e poi liberamente utilizzabile dal faro di Forlì. E proprio accompagnando Leonardo a Venezia dobbiamo superare una magnifica scena alla guida di un carro, mentre una marea di Templari ci arriva addosso per farci fermare, in pieno stile "Indiani e Diligenza".
Lo stesso Leonardo da Vinci poi si dimostrerà un valido alleato: costruirà per Ezio le lame nascoste e le modifiche, decifrerà le pagine del codice e ci aiuterà in alcune missioni. Oltre a Leonardo potremo incontrare un nutrito gruppo di personaggi storici famosi, quali Caterina Sforza, Lorenzo de Medici e Niccolò Macchiavelli.

Ezio vola su Piazza San Marco

 La villa degli Auditore
Altra novità estremamente interessante è l'inserimento di una parte "gestionale" nel gioco. Quando ci trasferiremo a Monteriggiori infatti, potremo decidere di spendere risorse economiche allo scopo di ampliare il borgo, ristrutturando edifici utiliti alla comunità come la chiesa, il bordello o la caserma. Potremo anche migliorare i negozi, e così facendo incrementare gli introiti della famiglia. Questo potrebbe risultare problematico agli inizi, ma con l'andare del tempo vi accorgerete che si tratta di un'ottima scelta, ed il gioco è ben organizzato per permettervi di investire sullo sviluppo di Monteriggiori senza tralasciare del tutto l'acquisto di nuovi equipaggiamenti, anche se agli inizi per accumulare un pò di soldi sarete costretti a derubare i passanti.
Oltre al restauro del borgo sarà possibile recuperare 8 statue disperse per la zona e riposizionarle attorno alla villa, ottenendo una lauta ricompensa in fiorini. All'interno di Villa Auditore troverete poi la sala delle armi, la sala delle armature, la tesoreria ed un modellino del borgo attraverso il quale applicare le migliorie desiderate. Inoltre potrete riporre le piume collezionate per le città in uno scrigno nella stanza di Maria, posizionare le pagine del Codice nell'ufficio di zio Mario, o piazzare i sigilli degli Assassini per sbloccare l'armatura di Altair.
In giro per la villa troverete anche delle opere d'arte, acquistabili dal mercante apposito, e in soffitta troverete, dopo ogni assassinio principale, un nuovo ritratto raffigurante la vostra vittima.
Di tutte queste "collezioni", l'unica richiesta per il completamento del gioco è il recupero di tutte e 30 le pagine del Codice degli Assassini, ma è anche una delle sfide meno impegnative del gioco.

Ezio Vitruviano

Tecnicamente parlando...
Se il primo Assassin's Creed 2 eccelleva graficamente, AC2 non è da meno, anzi. La resa grafica della città è incredibile, così come la cura per i dettagli. Firenze e Venezia sono riportate fedelmente nel gioco, alla vista delle location più significative non si può non rimanere a bocca aperta, il tutto senza la minima esitazione del frame rate. Un plauso anche per la resa grafica dei personaggi ed alle animazioni facciali: Ezio e gli altri "attori" principali presentano un realismo eccellente, e la mimica facciale trasmette appieno le emozioni che il personaggio prova. Meno curati risultano i passanti e gli altri PNG secondari, ma questo non significa che non siano ben fatti. Ho riscontrato qualche glitch grafico durante le mie giocate, ma perlopiù si trattava di posizione errata dei corpi durante un attacco. Solo una volta Ezio si è "incastonato" nei supporti del Ponte di Rialto, ma dopo qualche secondo si è sbloccato automaticamente.
Per quanto riguarda il sonoro niente da ridire sulle musiche, come sempre meravigliose, e sui suoni campionati, incredibilmente realistici. Un piccolo appunto però va fatto per il parlato: in alcune scene l'audio veniva a mancare, mentre i sottotitoli apparivano regolarmente.
L'intelligenza artificiale, come detto in precedenza, è da rivedere. Per vincere tutti gli scontri basta tenere premuto RT e spingere x al momento giusto. Certo, non funziona con tutte le armi, ma se equipaggiate le lame celate la vittoria è praticamente automatica. La cosa è così snervante che per evitarlo ho preferito mettermi a disarmare gli avversari o attaccarli con una serie di fendenti di spada, fin quando non si scoprivano, o ancora usare le bombe fumogene ed eliminare tutti con facilità. Se non altro mi dava più soddisfazione.

Toh, Ezio sta parando... una lancia... con un pugnale? O_o"

In definitiva
Assassin's Creed 2 supera in tutto il suo predecessore, ampliando ed approfondendo la storia "fuori dall'Animus". La resa grafica e tecnica lo rendono un gioco stupefacente, intrigante ed alla portata di tutti. Un pò di delusione per chi si aspettava un impegno ed una difficoltà maggiore, ma le novità son tante, e nascondono in parte questa pecca. Ezio Auditore ha grinta e carisma da vendere. Ed ha anche amici importanti, che non guasta mai.


Grafica 9
Sonoro 9
Giocabilità 8
Longevità 8


Voto Finale 8,5

Ezio Auditore ed il suo nutrito Fans Club

16 commenti:

Black75 ha detto...

Cazzo: ho dovuto prendere un giorno di ferie per leggerlo tutto!

Detto questo: bravo! mi è piaciuto come hai fatto "vivere" al lettore il tuo gioco preferito.
Sei praticamente in "scimmia" come lo sono io al momento per Mass Effect2. :P

Non sapevo la storia dell'animus, mi pare intrigante il concept.

Driller ha detto...

Black, con un solo giorno di ferie avrai avuto il tempo al massimo per guardare le foto XD
Grazie per il complimento e... si, sono in scimmia paurosa XD

Mesic ha detto...

La mia recensione si limita a: Gioco stupendo.
Ed Ezio: Minchia come fa sesso!

Driller ha detto...

Beh, si... avrei potuto ridurre il tutto a "Gioco quasi perfetto", ma non avrei spiegato il perchè :P
Eppoi così do la possibilità a chiunque di farsi un'idea ;)

Concordo con te, Ezio è incredibilmente carismatico :P

Black75 ha detto...

"Mesic ha detto...

Ed Ezio: Minchia come fa sesso! "

ma perchè!? c'è per caso la versione "per donne" su Wii con controller a forma di fallo di Ezio???? O_o

muahahhahahahhahahah!!!!

Mesic ha detto...

No è figo lui in sé, però dovremmo dirlo a quelli della wii di proporre un controller a vibratore!

Driller ha detto...

Eppoi dubito che il Wii riesca a far girare AC :D

Black75 ha detto...

a farlo girare forse no, ma a farlo "vibrare" sicuramente si! ;)

Driller ha detto...

Giusto!
Ezio VibrAuditore XD

Anonimo ha detto...

Non ce l'ho fatta a leggerlo tutto perchè in questo momento sono stanco, ma dalla prima parte mi sembra un ottimo post!
Prometto che prima o poi lo finisco.



Morg

Maroc ha detto...

Io continuo a dire che AC 2 è enormemente sopravvalutato :D

Maroc

Driller ha detto...

Si, lo pensavo anche io... poi l'ho giocato :D

faina ha detto...

Gran bella recensione!

Driller ha detto...

Grazie XD

Anonimo ha detto...

ciao, dimmi una cosa per favore, come faccio ad accedere ai contenuti extra? ho la versione per pc, ho finito il gioco, ma mi chiede un codice che non ho... il serial non funziona

Driller ha detto...

Domanda di rito... il gioco è originale? >___>

Posta un commento